Protezione Catodica Passiva

Home  /  Navale  /  Protezione Catodica Passiva

Protezione catodica contro la Corrosione

La protezione catodica è tipicamente approcciata secondo due tecniche: la protezione catodica passiva ( con anodi sacrificali ) e la protezione catodica attiva ( corrente impressa ).

Entrambe le tecniche hanno lo scopo di portare il potenziale elettrochimico medio di una catena di metalli verso valori tali per cui ciascuno di essi tende ad essere incapace di reagire chimicamente e trasformarsi in ossido.

Il raggiungimento di questo risultato si ottiene imponendo una circolazione di corrente fra l’elemento sacrificale ( protezione passiva ) o l’elettrodo ( protezione attiva ) e i metalli da proteggere contro le corrosioni.

Sono molteplici i campi di applicazione della protezione catodica: dal marino (nautica, navale, offshore, inshore, industriale ecc.) al terrestre (acquedotti, gasdotti, oleodotti ecc.) oltre a tutte quelle applicazioni dove è necessaria una difesa specifica contro la corrosione elettrochimica.

Gli anodi che troviamo installati in punti specifici delle imbarcazioni fanno parte di un sistema di protezione catodica passiva.
Il principio di funzionamento è molto semplice: la lega di cui è composto l’anodo, avendo un potenziale elettrochimico inferiore a tutti metalli utilizzati nella nautica, innesca un processo elettrochimico che fa circolare corrente elettrica dall’anodo al catodo ( struttura metallica da proteggere ).
La migrazione di elettroni dall’anodo verso la struttura da proteggere rende la lega anodica capace di reagire con altre sostanze disciolte in acqua (gruppi OH) e trasformarsi in ossidi solubili o insolubili.

Questa complessa fenomenologia porta l’anodo a diventare sempre meno efficace al trascorrere del tempo fino al momento in cui sarà indispensabile la sostituzione.

L’efficienza anodica è garantita dall’introduzione all’interno della lega di elementi chimici detti attivatori.

L’altra importante funzione degli attivatori, è quella di fissare il potenziale elettrochimico dell’anodo a valori determinati sulla scala galvanica.

Gli anodi sacrificali non necessitano di alimentazione elettrica per funzionare e non sono neanche necessarie particolari manutenzioni. L’unica attenzione da prestare è quella di sostituirli secondo i tempi correttamente indicati nel piano di protezione catodica.

Gli anodi sacrificali possono essere utilizzati in: navi, serbatoi, strutture offshore, installazioni portuali, centrali elettriche, impianti chimici, strutture sotterranee.

METSTRADE È la più grande fiera mondiale di attrezzature, materiali e sistemi....

Il nostro team è pronto per il 63esimo Salone Nautico Internazionale di Genova dal 21....

METSTRADE È la più grande fiera mondiale di attrezzature, materiali e sistemi....

Da oltre 30 anni Tecnoseal è presente al Salone Nautico di Genova che per il 2022 si....

Il 2021 ci vede di nuovo presenziare ai principali eventi mondiali dedicati alla nautica e....

La famiglia dei NACA cresce! Tecnoseal è lieta di annunciare che la famiglia degli anodi....

Anche per il 2020 Tecnoseal ha preso parte come espositore al Salone Nautico Internazionale....

Tecnoseal è lieta di annunciare l'arrivo del MY BOAT QR CODE. Nata dall'unione....

Produzione anodi sacrificali nei settori nautica, pesca, navale, portuale, industriale, e civile.
Consulenza, Progettazione, e installazione impianti protezione catodica.
© Tecnoseal Foundry S.r.l. 2024 - Informativa privacy - Cookie Policy - Politica aziendale - Whistleblowing

Questo sito utilizza cookie di navigazione per funzionare correttamente e per analizzare il traffico. Per la completa funzionalità del sito acconsenti alla condivisione dei dati di utilizzo con i fornitori di contenuti incorporati nel sito.

Accetto   Rifiuto   Cookie Policy